Actionscript: oggetto String (stringa).

Di: Pablito | 26/09/2020 18:41:26
L’oggetto String (stringa), a differenza dell’oggetto Movie Clip, non ha bisogno di essere istanziato
per poter accedere a proprietà e metodi, perché ne viene creato uno temporaneo automaticamente da Flash, vengono eseguite le operazioni richieste e poi viene eliminato.
Volendo si può anche istanziare un oggetto String, con il costruttore new.
Esempio:
miaVariabile=new String(“001design.it”);
Sui metodi e sulle proprietà degli oggetti String bisogna dire che operano sempre sugli oggetti.
Un oggetto è la variabile che contiene la stringa necessaria per eseguire delle operazioni.
L’oggetto String ha una sola proprietà: Length.
Questa proprietà viene usata per determinare il numero di lettere o battute che compongono una stringa.
Esempio:
miaVariabile=“001design.it”;
miaVariabile.length;
I metodi invece sono molti e rappresentano un potente strumento per la manipolazione delle stringhe.
Prima di farne una panoramica, bisogna sapere che quando si utilizza l’oggetto String, il conteggio parte da 0 anziché da 1 (come succede per gli array).
Attenzione a non far confusione tra il risultato della proprietà Length con l’indicizzazione degli elementi che compongono la stringa. Aggiungendo all’esempio la seguente riga di codice:
trace(miaVariabile.length);
in output sarà restituito 12, perché la proprietà Lenght inizia a contare da 1, ma ricordiamo che l’indice corrispondente all’ultima lettera/battuta è 11.

Risposte


Oggetto String: i metodi.

Descriviamo adesso tutti i metodi dell’oggetto String, seguendo l’ordine di disposizione nel pannello azioni di Flash.
charAt(indice);
Questo metodo restituisce la battuta/lettera corrispondente all’indice specificato tra le parentesi, di una determinata stringa.
Esempio:
miaVariabile=“001design.it”;
trace(charAt(3));
In output avremo la lettera “d” (ricordiamo che l’indicizzazione della stringa inizia da 0).
charCodeAt(indice);
Questo metodo è molto simile al precedente, solo che restituisce il codice ASCII della battuta/carattere corrispondente alla posizione specificata dell’indice.
concat();
questo metodo viene usato principalmente con gli array, ma in questo caso viene usato per concatenare (unire) più oggetti String tra loro.
Esempio:
stringa1=“forum”;
stringa2=“001design.it”;
spazio= “ ”;
stringaFinale= stringa1.concat(spazio, stringa2);
trace(stringaFinale);
In output avremo la stringa finale: “forum 001design.it”.
In questo caso, per raggiungere lo stesso risultato bastava scrivere:
stringaFinale = stringa1+spazio+stringa2;
fromCharCode();
Questo metodo è l’opposto di charCodeAT(), converte un numero ASCII in carattere.
indexOf();
Questo metodo cerca all’interno di una stringa uno o più caratteri, specificati di volta in volta tra le parentesi. Restituisce la posizione di indicizzazione della prima corrispondenza trovata nella stringa. Se non viene ritrovata alcuna corrispondenza verrà restituito il valore -1.
Esempio:
miaVariabile=“001design.it”;
cerca=miaVariabile.indexOf(“d”);
trace(cerca);
Output: 3
Esempio:
miaVariabile=“001design.it”;
cerca=miaVariabile.indexOf(“sign”);
trace(cerca);
Output: 5
Inoltre è possibile iniziare la ricerca da un punto diverso dall’inizio della stringa, semplicemente aggiungendo un ulteriore parametro come segue:
miaVariabile=“001design.itForumDesignItaliano”;
cerca=miaVariabile.indexOf(“sign”,12);
trace(cerca);
Output: 19
In questo caso la ricerca è iniziata dalla lettera “t” della parte di stringa “001design.it”.
lastIndexOf();
Questo metodo è identico a indexOf(); solo che comincia la ricerca partendo dal punto finale della stringa invece che da quello iniziale. Comincia la ricerca dall’ultima posizione indicizzata.
slice();
Questo metodo restituisce una porzione di stringa, a seconda dei parametri specificati tra le parentesi.
Sintassi: miaVariabile.slice(inizio, fine);
Se “inizio” e “fine” sono entrambi valori positivi, saranno restituiti tutti i caratteri a partire da “inizio” ad arrivare a “fine”, quest’ultimo elemento però sarà escluso.
Esempio:
miaVariabile=“001design.it”;
risultato= miaVariabile.slice(0,3);
trace(risultato);
Output: “001”
L’indice 3 corrisponde al carattere 1 della stringa “001design.it” e viene tralasciato.
Volendo inserire in uno dei due parametri il numero corrispondente all’indice dell’ultimo carattere della stringa (che sarà escluso), ma non lo si conosce, basta inserire come parametro: -1,
Esempio:
miaVariabile=“001design.it”;
risultato= miaVariabile.slice(2,-1);
trace(risultato);
Output: “1design.i”
(da notare che l’ultimo carattere viene tralasciato)
Se non viene specificato il parametro fine, sarà restituita l’intera stringa partendo dall’indice specificato (ultimo carattere compreso).
Esempio:
miaVariabile=“001design.it”;
risultato= miaVariabile.slice(2);
trace(risultato);
Output: “1design.it”.
split();
Questo metodo restituisce un array partendo da una stringa.
Sintassi: miaVariabile.split(“delimitatore”, limite);
Il primo parametro ci permette di stabilire, tramite un carattere, i punti in cui la stringa sarà divisa ed assegnata in ogni suo segmento ad un indice dell’array.
Esempio:
miaVariabile=“pippo”;
mioArray=miaVariabile.split(“i”);
trace(mioArray);
In output avremo un array composto da due elementi: p e ppo, dove
mioArray[0]=”p” e mioArray[1]=“ppo”
Il secondo parametro è opzionale e definisce il numero di elementi (porzioni della stringa) da inserire nell’array.
Esempio:
miaVariabile=“pippo, peppe, pappa”;
mioArray=miaVariabile.split(“,”,2);
trace(mioArray);
In Output avremo un array composto da 2 elementi: pippo e peppe, dove
mioArray[0]=“pippo” e mioArray[1]=“peppe”
Se tra le parentesi non viene scritto nulla (), di default Flash prende come parametro delimitatore la virgola, se la virgola non è presente nella stringa, allora l’intera stringa sarà inserita come elemento unico nell’array.
Se tra le parentesi vengono inserite le virgolette “”, tutti i caratteri, compresi gli spazi, verranno considerati come elementi per l’array.
Esempio:
miaVariabile=“pippo, peppe”;
mioArray=miaVariabile.split(“”);
trace(mioArray);
In output avremo un array composto da 12 elementi.
Se viene specificato come primo parametro “” e come secondo un valore numerico, come nell’esempio precedente, tutti i caratteri, compresi gli spazi, saranno considerati come elementi dell’array, però l’array sarà popolato solo da tot primi elementi corrispondenti al valore specificato come limite.
Esempio:
miaVariabile=“pippo, peppe”;
mioArray=miaVariabile.split(“”,8);
trace(mioArray);
in output avremo un array composto da 8 elementi:
“p”, “i”, “p”, “p”, “o”, “,”, “ ”, “p”.
substr();
Questo metodo è simile allo slice(); serve per estrarre una porzione di stringa, a seconda dei valori specificati tra le parentesi, che si riferiscono alle posizioni di indicizzazione. Il primo parametro specifica il punto di inizio mentre il secondo determina il numero di caratteri da estrarre.
Sintassi: miaVariabile.substr(inizio, lunghezza);
Esempio:
miaVariabile=“001design.it”;
risultato=miaVariabile.substr(1,3);
trace(risultato);
Output: “01d”.
Se il secondo parametro non viene specificato, verranno estratti tutti i caratteri compresi tra inizio
fino all’ultimo compreso.
Esempio:
miaVariabile=“001design.it”;
risultato=miaVariabile.substr(2);
trace(risultato);
Output: “1design.it”.
substring();
Questo metodo serve per estrarre porzioni di stringa, è molto simile allo slice() ma si differenzia per alcune caratteristiche. Sintassi: miaVariabile.substring(da, a);
Se i due parametri sono 2 valori positivi e il secondo è maggiore del primo, restituisce tutti i caratteri dal primo parametro al secondo, quest’ultimo escluso.
Esempio:
miaVariabile=“001design.it”;
risultato = miaVariabile.substring(0,3);
trace(risultato);
Output: “001”.
(l’indice 3 corrisponde alla lettera “d” che è stata esclusa)
Se non viene specificato il secondo parametro, sarà restituita l’intera stringa partendo dall’indice specificato (ultimo carattere compreso).
Esempio:
miaVariabile=“001design.it”;
risultato = miaVariabile.substring(2);
trace(risultato);
Output: “1design.it”.
Se invece il valore del primo parametro è più alto del secondo, automaticamente verrà scambiato l'ordine.
Esempio:
miaVariabile=“001design.it”;
risultato = miaVariabile.substring(5,1);
trace(risultato);
Output: “01de”.
(da notare che il carattere “s” corrispondente all’indice 5 è stato tralasciato)
Infine se vengono inseriti parametri con valore negativo, questi vengono considerati 0, l’indice corrispondente al primo carattere della stringa.
toLowerCase();
Questo metodo restituisce una versione in caratteri minuscoli della stringa originale.
toUpperCase();
Questo metodo restituisce una versione in caratteri MAIUSCOLI della stringa originale.

Di: Pablito | 26/09/2020 18:41:26