Dreamweaver: costruire siti con div e css

Di: Gian Paolo | 26/09/2020 18:42:07
Ci sono siti web che trattano l'argomento HTML con molta professionalità e alcuni che non hanno ancora preso la patente... dispensano consigli molto personali. Uno in particolare... che per il solo fatto di arrogarsi il diritto di rinominare I TAG al femminile (le tag li chiama lui… la tag strong) andrebbe estromesso dalla facoltà di pubblicare... si lamenta nel suo articolo, "Separare la struttura dai contenuti" con testuali parole: "Purtroppo il web si muove verso la standardizzazione". Ma come? Per anni abbiamo cercato di trovare dei denominatori comuni, è nato un consorzio apposito per mettere un poco d'ordine al caos iniziale… Immaginate i primi siti web fantasiosi che hanno popolato la rete: automobili con i fari attaccati agli sportelli e ruote che prima di toccare terra si avvitavano in carpiati improbabili. Viva gli standard.
Premesso ciò, mi perdoni chi è sopra di me... il cui rigore, da regolamento, non ammette dissertazioni.
Alle prime armi, alcuni pensano che un sito web abbia la struttura all'interno di una singola pagina e che mediante il menu di navigazione i contenuti si carichino (non comprendendo come) all'interno della medesima. Ciò è vero solo se la struttura è basata su un set di frame. Effettivamente all'occhio poco allenato, pare essere proprio così: gli argomenti sembrano cambiare, mentre il layout figura invariato. Basterebbe dare un'occhiata alla barra degli indirizzi situata nella parte superiore della finestra del browser per rendersi conto che il nome della pagina cambia di volta in volta al variare dei clic sui link del menu di navigazione.
I siti di ultima generazione non hanno la classica struttura gerarchica, in cui compare prima una sorta di sommario, informazioni poste troppo in profondità, repentini cambi di grafica e layout che mettono in difficoltà perfino un provetto navigatore. L'era primordiale del web. Guardare per credere: http://starweb.starnet.it/gianpaolo/forum/new_sito_tre/
Il div posizionato a destra non deve necessariamente contenere un menu; lo si può utilizzare per inserirvi qualunque oggetto.

Risposte



Ottimo post Gian Paolo!
Io andrei solo a capo ogni tanto per alleggerire un po' il blocco del testo.
Eventualmente puoi, se lo ritieni opportuno, restringere un po' anche la premessa
(oppure dargli un a capo in modo da separare meglio il tutto e velocizzarne la lettura).

Di: Anonimo | 26/09/2020 18:42:07


Hai pienamente ragione, spero vada meglio così. La premessa (so che prediligi la miglior sintesi possibile e spero che non l'abbia vista come sorta di polemica) in questo caso ha la valenza di allertare, da una parte, i lettori a non prendere per oro colato qualsiasi cosa trovino scritto da sedicenti intenditori e dall'altra a non emulare personaggi che credono di stravolgere arbitrariamente una sintassi ben definita nel tempo. Mi sono permesso inoltre perché l'articolo era pieno zeppo di incongruenze e non presentava un minimo esempio per far comprendere cosa significasse la divisione della "Presentazione dai contenuti" ...

Di: Gian Paolo | 26/09/2020 18:42:07