Mostra del Maestro Mattia Moreni 'IdentiKit'

Di: Galleria La Torre | 26/09/2020 17:33:26
Mattia Moreni
"IdentiKit"
A cura di:
Filippo Conte
Testo di:
Adriana Cristina Rota
Inaugurazione e cocktail
11 Febbraio 2010
durata mostra dal 11 Febbraio al 11 Marzo 2010
Giovedì 11 Febbraio dalle ore 18.00 la Galleria La Torre inaugura la mostra personale di Mattia Moreni.
A quasi undici anni dalla scomparsa del Maestro Mattia Moreni, protagonista dell’arte italiana del secondo Novecento, che in modo sintomatico ha vissuto ed interpretato la grande trasformazione scientifica sfociata nell’era della tecnologia, la Galleria La Torre vuole omaggiare la figura di questo valente artista con la mostra IdentiKit.
Nella mostra personale, a lui dedicata, vengono esposte una serie di carte ed oli della fase pittorica dell’Umanoide computerizzato. Si tratta di opere degli anni Novanta nelle quali Moreni presenta la tematica dell’evoluzione umana nel campo della scienza: la scoperta dei cibernot, la nascita della robotica e contemporaneamente dell’informatica, l’utilizzo di Internet. Egli crea un Identikit artificato, mutevole nel suo essere un’identità artificiosa: da robot in sviluppo cibernetico, ma ancora umanoide, a quello tutto computer intriso della genetica elettronica. Realizza le sue opere attraverso un modo regredito del dipingere che in questo periodo storico è considerato rivoluzionario, così come è calcolato d’avanguardia il linguaggio elettronico. E’ lo stile pittorico, primitivo e fanciullesco, che lui stesso chiama Regressivo consapevole ovvero, quella cognizione di retrocedere dalla maniera pittorica classica – raggiunta attraverso le norme artistiche neoclassiche – dettata dall’Accademia delle Belle Arti.
A cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta, Moreni comprende di trovarsi in un’epoca di passaggio dalla quale assorbe l’enorme cambiamento culturale e comportamentale, che segna l’umanità civilizzata a lui contemporanea, e lo rielabora proiettandolo nella sua pittura.
Al tema della mutazione antropologica elettronica, Moreni dedica dunque l’ultima fase della sua attività artistica e letteraria. Egli, infatti, è anche autore de L’ignoranza fluida (ed. G. R. Maggini, Pisa, 1979) e L’assurdo razionale perché necessario (ed. Stabilimento tipografico dei Comuni, S. Sofia, 1985).
Moreni, vincitore del Premio Campigna nel 1973, fu un pittore intenso, di ampio percorso espositivo nei luoghi di grande interesse artistico come il Milione di Milano nel 1947 e nel 1949, la Biennale di Venezia nel 1948, 1950, 1954, 1957 e 1972, il Kunstverein di Amburgo nel 1964, il Museo Civico di Bologna nel 1965, la Pinacoteca Comunale di Ravenna nel 1975, la Galleria d’Arte Moderna di Bologna nel 1983, a S. Sofia di Romagna nel 1985, la Galleria Morone nel 1986, il Padiglione d'Arte Contemporanea di Milano nel 1986, la Galleria Comunale di Arezzo nel 1988, il Liceo Saracco di Acqui Terme nel 1990, il Centro d'arte CL di Milano nel 1992, a Torino nel 1994 e nel 2001, a Cesena nel 1994, a Massa Lombarda nel 1997, al Palazzo delle Esposizioni di Faenza nel 1999, ancora alla Galleria Morone di Milano nel 2000 e nel 2004, presso lo Studio d'Arte Campaiola di Roma nel 2002, alla Galleria d'arte Maggiore di Bologna nel 2005, a Palazzo dei Sette di Orvieto nel 2006, a Palazzo Primavera di Terni nel 2007, nella Galleria Comunale di Cesuola tra dicembre 2007 e gennaio 2008, al Museo Civico delle Cappuccine a Bagnacavallo di Ravenna, alla Kunsthaus di Amburgo nel 2008, alla Galleria d’arte contemporanea Vero Stoppioni di Santa Sofia nel 2009 e a Torino presso le Gallerie Carlina e Martano tra novembre e dicembre 2009.
L’evento è accompagnato dal catalogo con testo critico e fotografie a colori dei quadri in esposizione.
TITOLO: IdentiKit
ARTISTA: Mattia Moreni
A CURA DI: Filippo Conte e Adriana Cristina Rota
LUOGO: La Torre Galleria d’Arte Moderna
Via Settala, 10 ing. V.le Tunisia, 18
20124 Milano - Tel. e Fax. 02.29.51.04.80
e-mail: info@gallerialatorre.it; www.gallerialatorre.it
Orari: da Lunedì a Sabato dalle 15.30 alle 19.30

Risposte


Nessuna risposta trovata!